Si sopravvive di ciò che si riceve, ma si vive di ciò che si dona. - Carl Gustav Jung

Massaggio Terapia o Massoterapia

La massoterapia è un trattamento che, in genere, si suddivide in un ciclo di più sedute. Nella prima seduta il massoterapista indaga sullo stato di salute del paziente perché è fondamentale per il terapeuta stabilire su quali punti del corpo umano è bene agire, per portare maggior beneficio. Nell’ambito terapeutico la massoterapia deve operare secondo la prescrizione medica scritta.

Una volta note le problematiche da trattare, ci sono tutti i presupposti perché abbia inizio il massaggio manuale: per l’occasione, il paziente deve togliere gli indumenti principali e coricarsi sul lettino.

Per il massaggio manuale si utilizzano spesso oli o unguenti, perché garantiscono una maggiore scorrevolezza e una migliore azione modellante delle mani sul corpo del paziente.

Chi è la massoterapista Monica Doro?

Il massoterapista è una figura professionale con un’abilitazione specifica in massoterapia. Il massoterapista ha conoscenze nel campo dell’anatomia umana, della fisiologia, della biologia umana, della chimica, dell’endocrinologia, dell’immunologia, della farmacologia, della patologia e dell’istologia.

“Ho un’abilitazione specifica in massaggio terapeutico – Massaggiatore Capo Bagnino degli Stabilimenti Idroterapici – e sono abilitata all’esercizio dell’Arte Ausiliaria delle Professioni Sanitarie. Opero in ambito terapeutico secondo prescrizione medica scritta, eseguo tutti gli atti connessi alle mie competenze nella cura e prevenzione delle patologie degenerative e traumatologiche dell’apparato muscolare ed osteoarticolare.

Eseguo massaggio terapeutico, bendaggi, applicazioni di kinesio tape, linfodrenaggio, utilizzo strumenti elettromedicali quali laser, tens, magneto, tecar…”

Per inviarmi un messaggio può scrivere all’indirizzo: Email
Come si esegue la massoterapia?

La massoterapia è un trattamento che, in genere, si suddivide in un ciclo di più seduteLa prima seduta è diversa da tutte le altre, perché prevede una fase preliminare in cui il massoterapista indaga sullo stato di salute del paziente. Questa fase preliminare ha un’importanza fondamentale, in quanto permette al terapeuta di stabilire su quali punti del corpo umano è bene agire, per essere di beneficio al paziente.

Una volta note le problematiche da trattare, ci sono tutti i presupposti perché abbia inizio il massaggio manuale: per l’occasione, il paziente deve togliere gli indumenti principali e coricarsi su un apposito lettino, presente in tutti gli studi dei massoterapisti. Per il massaggio manuale, chi pratica la massoterapia utilizza spesso oli o unguenti, che garantiscono una maggiore scorrevolezza e una migliore azione modellante delle mani sul corpo del paziente.

Tecniche di massoterapia

Tra le tecniche di massaggio che fanno parte della massoterapia, rientrano:

  • Lo sfioramento – è la tecnica con cui ogni massoterapista inizia e conclude ogni seduta. Consiste in uno scivolamento della mano sulla pelle, senza l’esercitazione di alcuna pressione. A inizio seduta, serve a preparare il corpo umano alle successive tecniche di massaggio.
  • Lo sfregamento – prevede una pressione sulla pelle maggiore, rispetto a quanto accade con lo sfioramento. È una tecnica essenziale, perché precede e segue ogni altra tecnica di massaggio.
  • La frizione – è uno sfregamento in cui le mani del terapeuta rimangono continuamente in contatto con la pelle del paziente. La frizione permette di agire sia sugli strati superficiali, sia su quelli profondi del corpo umano.
  • L’impastamento – è una tecnica applicabile solo laddove c’è massa muscolare. Consiste nel pinzare, sollevare e spostare trasversalmente i muscoli, esercitando una pressione del pollice contro le altre dita della mano contrapposta. Esistono due forme di impastamento: l’impastamento superficiale e l’impastamento profondo.
  • La pressione – consiste in una compressione perpendicolare alla cute del paziente. Ha lo scopo di facilitare il riassorbimento di edemi e migliorare la circolazione sanguigna, laddove ci siano impedimenti.
  • La percussione – consiste in una serie di picchiettamenti rapidi e brevi e di intensità variabile, eseguiti per mezzo delle dita, del bordo delle mani o delle mani poste a coppetta. La scelta della modalità di picchiettamento dipende dalle problematiche manifestate dal paziente. In generale, gli scopi della percussione sono: migliorare la contrattilità e il metabolismo muscolare, favorire la vascolarizzazione dei muscoli e stimolare il sistema nervoso.
  • La vibrazione – nell’eseguirla, il terapeuta pone la mano sull’area cutanea da trattare ed esegue piccoli e rapidi movimenti laterali, simili a tremolii.
Servono sedute di mantenimento?

A causa di posture viziate sul lavoro o nello svolgimento delle attività quotidiane possono ritornare fastidiosi dolori anche dopo i trattamenti effettuati. Per poter mantenere nel tempo i risultati positivi ottenuti dai massaggi terapeutici e un buon stato di salute è consigliabile fare un massaggio almeno mensile.

Massoterapia e sport

I massoterapisti raccomandano vivamente il massaggio a chi pratica sport e agli atleti professionisti, per ridurre le fatiche post-allenamento, per accelerare il recupero e per favorire il rilassamento dei muscoli dopo il loro utilizzo.

I benefici della massoterapia

Il massaggio terapeutico apporta dei benefici ai muscoli, ai tessuti connettivi e al corpo umano in generale, perché:

  • determina un miglioramento della circolazione sanguigna anche nei vasi più piccoli (capillari). Questo comporta un miglior apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule dei tessuti interessati; un miglior apporto di ossigeno e nutrienti alle cellule fa sì che queste funzionino meglio e guariscano più velocemente da eventuali danni o lesioni non fatali;
  • favorisce il drenaggio linfatico. Ciò migliora l’eliminazione delle sostanze di rifiuto da parte dei tessuti;
  • stimola la secrezione di endorfine. Le endorfine sono sostanze chimiche prodotte dal cervello e dotate di una potente attività analgesica ed eccitante.
  • blocca i segnali nervosi che fanno avvertire, all’essere umano, i dolori e le tensioni muscolo-tendinee.